Passa ai contenuti principali

In primo piano

Esecizi per dimagrire - Lezione di aerobica 30 minuti comodamente a casa

Eccomi!!! Dopo un po' di tempo torno più carica che mai, manca pochissimo alla laurea e fra poco sarò libera!! È la terza tesi che dovrò discutere nella mia vita ma l'ansia e l'emozione sono ancora presenti!! 🤩🤩🤩Esercizi per dimagrire, una lezione di aerobica semplice, a basso impatto, per principianti e della durata di 30 minuti. Al termine della lezione ho inserito anche alcuni esercizi di tonificazione per potere avere un workout completo. Mi piacerebbe che mi faceste sapere quale tipo di lezione vorreste che io facessi e a che ora del giorno vorreste che la pubblicassi per poterla svolgere come se foste dal vivo insieme a me nel vostro salotto!Sono fermamente convinta che l'attività motoria sia un bene prezioso e che tutti debbano accedervi gratuitamente perché attraverso di essa si possono prevenire una quantità immensa di malattie! Spero che questa lezione di aerobica vi piaccia, chi vuole dimagrire deve iniziare con un'attività divertente ed aerobica per …

La dieta perfetta? Ecco la mia opinione...

Spesso in palestra mi capita di ascoltare discorsi riguardo le ultime diete del momento oppure di ricevere domande del tipo "qual'è la dieta perfetta? Cosa devo mangiare per dimagrire?" ecc. A parte sottolineare il fatto che, non essendo né medico né nutrizionista, non posso prescrivere diete ma posso limitarmi a fornire consigli su come alimentarsi in modo sano e naturale, mi tocca continuare a ripetere che la dieta perfetta per tutti NON esiste. Scordatevi di farvi prestare la dieta dalla vostra amica, leggere una programma alimentare su di una rivista, acquistare un libro che vi propone un rigidissimo schema da seguire e aspettarvi di dimagrire in modo sano. La dieta perfetta che vada bene PER TUTTI non esiste e NON ESISTERA' MAI.

Bisogna capire che ognuno di noi è un individuo a sé, che necessita di nutrienti, quantità e tempistiche specifiche. Ci sono alcuni principi generali che possono andar bene per la maggior parte delle persone ma ognuno di noi, alla fine, deve sperimentare e trovare la propria strada (magari con l'aiuto di un professionista del settore). 
Ora elencherò alcuni consigli che possono essere seguiti da tutti ma che comunque rimangono una mia opinione, frutto di anni di ricerca, di prove, di studi universitari e non, ma che lungi da me essere oro colato e panacea per tutti i mali! Cercherò di non perdermi in nozionismi e di rendere la lettura piacevole e alla portata di tutti. Le motivazioni scientifiche di ciò che dirò le potrete consultare su libri specifici del settore!

  • DIFFIDATE DALLE DIETE CHE ELIMINANO COMPLETAMENTE UN NUTRIENTE: a meno che non abbiate esigenze specifiche temporanee (sensibilità ad un alimento) o permanenti (allergie e problemi di salute o motivazioni etiche) vi sconsiglio di seguire regime alimentare che elimini completamente un gruppo alimentare. Un esempio? Le classiche ed intramontabili diete iperproteiche che tolgono quasi totalmente i carboidrati possono farvi dimagrire velocemente ma poi vi faranno riprendere tutti i chili persi con gli interessi non appena incomincerete nuovamente ad assumere carboidrati, soprattutto se la dieta è anche molto ipocalorica. Il nostro corpo non è stupido, se si iniziano ad eliminare calorie buone (ovvero fornite da nutrienti sani) e non vi è una ragione naturale (ad esempio non avete iniziato a svolgere attività sportiva), crede che stiamo lentamente morendo e cerca di mettere lentamente da parte il maggior numero di nutrienti (di solito sottoforma di grasso) per evitare che ciò accada. E questo mi porta al secondo punto:
  • DIFFIDATE DALLE DIETE CHE VI PROMETTONO RISULTATI VELOCI: dimagrire velocemente non va bene! Per il discorso che ho accennato prima, il nostro corpo si spaventa e tende, dopo un effettivo dimagrimento rapido (dovuto soprattutto ad una perdita di liquidi e muscolo) a riprendere peso accumulando grasso per sopravvivere. Il processo di dimagrimento deve essere lento per dare al nostro corpo e alla nostra mente la possibilità di adattarsi alla nuova situazione ed alla nuova figura. Inoltre il dimagrimento è l'approcciarsi ad uno nuovo stile di vita: le diete troppo drastiche non possono essere mantenute a lungo! Invece un'alimentazione via via sempre più corretta ed una sana e DIVERTENTE attività fisica, diventeranno le vostre compagne di vita e non farete fatica (dopo esservi gradualmente abituati al nuovo stile di vita) a mantenerle per sempre. Stare in forma è molto più facile di quello che sembra, bisogna solo iniziare e perdere, una alla volta, le cattive abitudini. Pensare di diventare i guru dell'alimentazione e dell'esercizio fisico da un giorno all'altro è UNA CAVOLATA, vi state illudendo da soli! Non si può pensare di cambiare totalmente nel giro di pochi giorni, a volte servono mesi, a volte anni! Quindi armatevi di pazienza ed ascoltate il vostro corpo, le forzature non sempre portano ai risultati sperati. Però un po' di buona volontà è necessaria, soprattutto all'inizio!
  • DIFFIDATE DALLA BILANCIA: la bilancia vi dà un dato poco preciso sul vostro effettivo stato di salute. Il muscolo pesa più del tessuto adiposo: quindi se avete iniziato un regime alimentare corretto e vi siete iscritti (e frequentate) la palestra, potreste notare un aumento di peso o una stasi. Questo non è necessariamente un fatto negativo perché potrebbe significare che abbiate messo su massa muscolare la quale, oltre a pesare di più, è metabolicamente più attiva e quindi vi aiuta a bruciare più velocemente! Per essere sicuri che questo sia avvenuto potrete effettuare un test impedenziometrico o un test adipometrico, ovvero misurazioni in cui vengono utilizzati particolari strumenti (impedenziometro e adipometro) in grado (tramite inserimento di altri dati e rielaborazione da parte di software specifici) di fornire l'esatta composizione del vostro corpo!
  • DIFFIDATE DALLE CALORIE: o meglio, abbiate buon senso. Fissarsi sulle calorie, a mio avviso, rende il momento del pasto un incubo fatto di calcoli astrusi. Inoltre poniamo per assurdo che un pasto debba essere di 300 kcal (è solo un esempio ovviamente) io posso benissimo assumere 300 kcal con cibo spazzatura e altrettante attraverso cibo sano, la differenza?
    In entrambi i casi sono rimasta all'interno delle 300 kcal che dovevo assumere, quindi non ho "sgarrato" dal punto di vista calorico, ma i nutrienti?? Nel primo caso ho mangiato CALORIE VUOTE ovvero prive o quasi di nutrienti utili per farmi stare bene, concentrata a scuola o al lavoro, piena di forze ecc. Nel secondo caso ho assunto 300 kcal di nutrienti utili per la mia salute che non mi danno problemi di innalzamento repentino della glicemia (il che mi fa ricomparire la fame dopo poco tempo), accumulo di sostanze dannose per la circolazione ecc. Quindi che si deve fare? Eliminare dalla nostra vita per sempre, patatine, hamburger, bibite gassate ecc? Si dovrebbe fare così ma alimentarsi non significa solo nutrirsi, significa anche convivialità, allegria e condivisione... e quindi? La soluzione migliore è limitare l'assunzione di cibo spazzatura a rare ed isolate occasioni (se andate in un fast food 3/4 volte all'anno non succede nulla!!) e mangiare quel pasto con consapevolezza: "ok sto sgarrando, ma nei mesi precedenti mi sono alimentata correttamente quindi sono a posto. Devo continuare ad alimentarmi bene anche i prossimi mesi così questo "sgarro" non influirà pesantemente sul mio organismo!".
  • OCCHIO AL CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI. Cercherò di spiegarvi semplicemente questo concetto perché è fondamentale. In natura esistono alimenti che fanno innalzare il livello di glucosio nel sangue (glicemia) in modo più o meno rapido. Per convenzione al glucosio è stato attribuito un valore pari a 100: quindi tutti i cibi il cui valore di carico glicemico si avvicina a 100, saranno quelli che fanno innalzare la glicemia molto velocemente causando dopo poco tempo un altrettanto abbassamento rapido ad opera di un ormone chiamato insulina. Al contrario, i cibi che
    fanno crescere più lentamente il valore di glucosio nel nostro sangue, avranno un indice glicemico ben lontano da 100! PERCHE' TUTTO CIO' E' IMPORTANTE? Perché più creiamo sbalzi glicemici, più aumenta il senso di fame e più introdurremo alimenti = ingrasseremo. Questa, mi rendo conto, è una spiegazione molto spiccia, ma approfondire l'argomento richiederebbe un post dedicato (pronta a scriverlo se vi interessa). Per ora posso consigliarvi di consultare le numerose tabelle che trovate su internet e di cercare di introdurre nell'arco della giornata cibi con basso indice glicemico (eccezion fatta per la colazione, momento in cui si può "sgarrare" perché il nostro metabolismo è molto attivo. Vedi dopo). Fare attenzione ai metodi di cottura e alla stessa cottura dei cibi: le carote crude, per esempio, hanno indice glicemico molto inferiore agli stessi ortaggi cotti (anche con cottura al vapore!!)!!!
  • TROVATE UN OBIETTIVO CHE VI STIA A CUORE: cercate di appassionarvi! Quando si pensa di cambiare stile di vita, lo si deve fare soprattutto per sé. Ma a volte la stima in noi stessi è così bassa che ricerchiamo motivazioni all'esterno. Il rischio è che queste motivazioni possano svanire da un momento all'altro per qualsiasi motivo. Il lavoro su di sé è certamente il più lungo e il più difficile (perché dovete accettare i vostri difetti e trasformarli in talenti) ma è quello che alla lunga vi dà i risultati migliori!
  • SCORDATEVI IL DIMAGRIMENTO LOCALIZZATO: non esiste nessuna dieta, nessun alimento o esercizio fisico miracoloso che vi faccia perdere grasso in una zona specifica! Il dimagrimento avviene in modo generale a livello di tutto il corpo: vero è che esistono alimenti che possono farvi sgonfiare l'addome, accelerare il metabolismo o esercizi che possono tonificare questa o quell'altra zona e perdere grasso in generale in tutto il corpo.....ma non vi faranno perdere grasso localizzato. 
  • CERCATE DI ASSUMERE ALIMENTI IL PIU' NATURALI POSSIBILI: cioè frutta e verdura di stagione, alimenti privi di additivi inutili o nocivi per la propria salute!
  • CERCATE DI INTRODURRE TUTTI GLI ELEMENTI NUTRITIVI: ovvero proteine, carboidrati, vitamine, grassi, acqua, sali minerali...
  • BEVETE TANTA ACQUA: ora che ci avviciniamo alla bella stagione, 2/2,5 litri al giorno!
  • FATE COLAZIONE: al risveglio, il nostro corpo ha bisogno di alimentarsi perché, digiuno da tutta la notte, ha il metabolismo davvero veloce e pronto a trasformare ciò che mangiamo in energia (e non in grassi). L'italiano medio salta la colazione e si abbuffa a cena NIENTE DI PIU' SBAGLIATO! Si tratta anche qui di sperimentare ed adattarsi lentamente ad uno stile di vita più corretto: se vi svegliate
    con la nausea, non sarò certo io a dirvi che dovete obbligarvi a mangiare yogurt, biscotti, cereali, frutta, noci e prosciutto! Ciò che posso consigliarvi è di provare (magari i giorni in cui non andate a lavorare o a scuola) diversi tipi di alimenti fino a quando non troverete la colazione perfetta, non sarà subito abbondante, ma sarà meglio di niente! Se avete nausea potrete aspettare un po' ma non oltre un'ora dopo il risveglio! E posso dirvi che a volte, il senso di nausea, è causato dalla fame e non dal rifiuto del cibo a colazione! Io personalmente mi sono sempre alzata con la nausea (da quando ho memoria) ma forse è per questo motivo che ho da subito imparato a riconoscere la nausea "da fame" dalla nausea vera e propria. La nausea da fame e da calo glicemico è riconoscibile perché si accompagna ad un senso di vuoto a livello della bocca dello stomaco e una sensazione quasi di "solletico" a livello dello stomaco e perché (e qui i miei amici e parenti che leggeranno questo post sanno bene di cosa parlo) vi sentirete molto deconcentrati, destabilizzati, disorientati e...continuo :)?Questa ovviamente è una spiegazione tutt'altro che scientifica ma provate per credere!!! Presto farò video-ricette su diversi tipi di colazione, scrivete nei commenti se vi potrebbe interessare!
  • APPLICATE IL VECCHIO DETTO: COLAZIONE DA RE, PRANZO DA PRINCIPI E CENA DA POVERI perché così facendo rispetterete le naturali esigenze del vostro metabolismo e non
    rischierete di andare a dormire con un malloppazzo sullo stomaco, reso benissimo dalla pubblicità di un noto prodotto digestivo effervescente.
  • PORTATEVI IL PRANZO DA CASA: perché è più genuino, più ricco di nutrienti e meno ricco di grassi e zuccheri rispetto ai piatti pronti che potete acquistare al bar (non me ne vogliano i miei amici baristi). Ma questa, mi rendo conto, è una nota dolente perché portarsi il cibo da casa, implica organizzazione, impegno e forza di volontà. Posso assicurarvi che basta dedicare 2 ore una volta a settimana per organizzare e preparare in anticipo i pasti per l'intera settimana, non ci credete? Presto girerò dei video e vi dimostrerò quanto è facile alimentarsi bene avendo un minimo di organizzazione! Non avete 2 ore libere la domenica? No problem la soluzione c'è anche per voi! Niente scuse! Seguite il blog nelle prossime settimane e lo scoprirete :)
  • PREFERITE CONSUMARE ALIMENTI ALCALINIZZANTI O BASIFICANTI: perché ridurranno il rischio di acidificare il vostro metabolismo generando uno stato infiammatorio generale in tutto l'organismo e di produrre radicali liberi. Ve lo spiego meglio nel mio post dedicato.
  • DORMITE! Un sonno di buona qualità non solo vi aiuterà a dimagrire ma migliora il vostro umore, riduce lo stress, migliora la capacità di concentrazione, l'attenzione e la creatività. Questi sono solo alcuni dei benefici di un bel sonno ristoratore!
Voi cosa pensate della dieta perfetta? Cosa fate per tenervi in forma? Commentate, mi sta a cuore la vostra opinione!

Commenti

Post più popolari