Passa ai contenuti principali

In primo piano

La spesa della "quasi" Nutrizionista - Parte 3: Proteine e Grassi|La mia...

Scienze Motorie sì o no? Istruzioni per l'uso

Scienze motorie sì, scienze motorie no? Ma che titolo è?!? So che ve lo state chiedendo.....

Bentornati sul mio blog, oggi ho voglia di stupirvi con effetti speciali: ho pubblicato il mio primo video PARLATO! Fino ad ora lasciavo parlare lo sportivo che alberga in me, creando video di coreografie di canzoni di Zumba oppure brevi video workout.

Ho sempre desiderato filmare discorsi più o meno approfonditi, riguardo al mio lavoro, a ciò che sto studiando o a ciò che mi è stato utile nella vita per condividerlo con più persone possibili...ma non ho mai avuto coraggio.
Forse il trasferirmi in un'altra città mi ha dato quella spinta di cui avevo bisogno perché, in fondo, so che l'indomani la pubblicazione del video, molto probabilmente, non incrocerò nessuno di mia conoscenza e non dovrò ascoltare nessuna sentenza...

Ebbene sì, chi mi conosce poco forse rimarrà stupito ma, a dispetto di quanto possa mostrare attraverso le lezioni di fitness, anche davanti ad un grande pubblico oppure di come posso apparire durante uscite con amici o conoscenti a piccoli gruppi, io sono una persona molto timida, non sempre sicura di sé (soprattutto quando devo affrontare una novità) e davvero davvero tanto timorosa di sbagliare e di ciò che può pensare la gente.


Risolvo tutto con un chissene quando ricevo critiche non costruttive, però, nel momento e anche qualche giorno dopo, ci rimango male e cerco di capire se, in quella critica distruttiva ci sia un fondo di verità.
Ciò che mi salva è il mio instancabile ottimismo, l'amore per la vita e la “missione” che ho da quando sono piccola: “se conosci qualcosa non tenerlo per te ma diffondilo a più persone possibili...”

Questa breve intro serviva per pararmi il cosiddetto :) ! ahahahaha

Di cosa parlo in questo video? Di un aspetto della mia vita che mi ha segnata e mi ha fatto crescere e che credo che chiunque studente attraversi prima o poi: ho fatto bene a scegliere questo corso di laurea ? Avrò scelto proprio quello che mi piace fare per tutta la vita? Troverò lavoro?

Se non avete voglia di leggere vi rimando al video che trovate qui sotto, altrimenti vi invito a preparavi una tisana o una bibita e predisporvi ad una lunga lettura :)

Scienze motorie sì o Scienze motorie no? Questa può essere una domanda che un neo-diplomato appassionato di sport si può porre prima di scegliere a quale università debba iscriversi.
Se tornassi indietro rifarei Scienze Motorie senza nessun dubbio e proseguirei con la specialistica!
I motivi, per quanto mi riguarda, sono molto chiari e ben definiti nella mia mente ma sicuramente siamo talmente diversi gli uni dagli altri che probabilmente le motivazioni che ti sto per elencare non ti convinceranno o ti faranno cambiare idea!

1. Conoscenze approfondite e varietà delle materie studiate

Iniziamo dagli aspetti positivi: Scienze Motorie di fornisce una grande varietà di conoscenze di base e più specifiche durante i tre anni e, se anche per voi la missione è “diffondere la conoscenza” cosa
aspettate? Andatevi ad iscrivere!
Durante il percorso di laurea si affrontano diverse materie più o meno pesanti ma che ti danno le nozioni basilari su come funziona il corpo umano, su com'è fatto il nostro organismo esternamente, internamente e a livello macro e microscopico, come si può ammalare, come può prevenire la malattia, come può evitare ricadute o aggravamenti di una determinata patologia, come un bambino, un anziano, un adulto gestisce le emozioni, come gestire dal punto emotivo una squadra o un atleta singolo, come si insegna una determinata disciplina sportiva e come si fa, come è nato lo sport, come utilizzare il marketing a vantaggio della propria associazione sportiva, come si gestisce una lezione a scuola o in palestra o ancora con un gruppo di anziani o bambini, come si riesce ad integrare un alunno o un allievo disabile ecc....

Insomma a Scienze Motorie sembra che si studi tutto ma proprio tutto non è vero?
Questa serie di informazioni che tu apprendi durante il tuo percorso di studi ti dà una base per poter frequentare corsi post laurea con più cognizione, filtrando ciò che a te non sembra corretto e prendendo spunto su ciò a cui non avevi pensato.
Questa ovviamente è una mia opinione, però posso confermarti anche adesso che ho quasi 32 anni che, se non avessi avuto questa base, non sarei riuscita ad insegnare in palestra senza domandarmi se stessi facendo o no la cosa giusta: per come sono fatta io ho bisogno di leggere molti libri, di approfondire, di seguire corsi e di studiare prima di essere certa che sto che sto dicendo ad una persona, allo stato attuale delle cose, è una cosa vera, fondata e giusta.

Scienze motorie mi ha dato una sicurezza personale proprio a livello di concetti, di conoscenza della materia e soprattutto del corpo umano.

2.Tirocinio

Se si sceglie di studiare Scienze motorie, non si dovrà sottovalutare l'importanza del tirocinio. Questo è il modo che consente di mettere in pratica sul campo le nozioni teoriche che si sono studiate senza timore di sbagliare perché si lavora in un ambiente protetto e con la possibilità di poter risolvere ogni dubbio semplicemente chiedendo al tutor o ai professori!

Per questo motivo il tirocinio deve essere scelto con cura e deve essere vario ovvero cercate di fare tirocinio in più posti possibili perché vi servirà “da grandi”: se effettuate tirocinio in una palestra per anziani, ad esempio, uscirete da Scienze Motorie con una grande conoscenza riguardo l'attività motoria per gli anziani ed una conoscenza di base per quanto concerne tutte le altre materie.
Se invece provate a lavorare con ogni fascia d'età ed in ogni luogo (palestra, società sportiva, campo di atletica, studio ecc.) riuscirete a farvi un'idea di che cosa si occupa un tipo di lavoro più che un altro e sarete in grado, una volta laureati, di scegliere cosa più vi piace fare. Inoltre, non meno importante, considerando la forte concorrenza che vi aspetta la fuori (il nostro lavoro, eccezion fatta per l'ambito scolastico – medie, superiori – può essere svolto anche da chi non ha fatto Scienze Motorie) voi dovrete essere in grado di sapervi adattare anche se il lavoro che vi è capitato non è proprio nelle vostre corde: lavorare da subito nel proprio campo non è così facile.

3. Possibilità di approfondire gli studi

La Specialistica non vi consente solo di aprirvi una strada in più nel mondo del lavoro, ma vi dà la possibilità di approfondire alcune materie che avete studiato nella triennale e di studiarne di altre. Ciò va sempre a far parte di quel bagaglio di conoscenze che vi portate dietro e che vi rimarrà per sempre: se volete passare un esame universitario a volte non vi basta un mese per studiarlo, ve ne servono anche 6! Quindi lo studio che si svolge lentamente, un pezzo alla volta, mirato a ricordarsi più nozioni possibili perché non si sa dove il professore potrà andare a parare, è uno studio che vi rimarrà per sempre (non nei minimi dettagli come appena freschi di esame ovviamente).

4. Possibilità di lavorare come Professore di Ed. Fisica

Con la Laurea triennale, è possibile decidere di proseguire o di fermarsi: io consiglio di proseguire perché vi aprite un'altra porta nel mondo del lavoro che è La Scuola.
Non pensate che quel campo non faccia per voi perché avete il ricordo del vostro prof. di Ginnastica che vi diceva la tipica frase “prendete una palla e giocate”: non dovete per forza fare così, voi avete la possibilità di cambiare le cose e di poter trasmettere a queste nuove generazioni quanto sia importante il rapporto con il proprio corpo, con gli altri, il Fair Play, l'esercizio fisico come prevenzione ecc...

5. Aprire uno studio o una palestra

La Laurea in Scienze Motorie vi consente di aprire uno studio privato dove potete lavorare a livello personalizzato sulla postura, sulla prevenzione e sulla “forma fisica” come personal trainer. Ovviamente questo può succedere se l'ambiente che vi circonda ve lo permette: ad esempio in città la concorrenza è molto alta ma lo studio può girare sicuramente meglio che in un paesino isolato (oppure può succedere esattamente il contrario).
Se volete poi aprirvi una palestra o un centro sportivo (non sto parlando di a.s.d.), avete il “pezzo di carta” che vi serve.

6. Proseguire altri studi

Grazie alla Laurea in Scienze Motorie ho potuto accedere senza debiti alla Laurea Magistrale in Scienze della Nutrizione Umana che mi consentirà di approfondire tutte quelle conoscenze che vanno di pari passo con lo sport e più in generale con l'attività fisica ovvero quelle riguardanti l'alimentazione.
Ovviamente sono ben consapevole che la mia base, per passare l'esame di stato e d entrare nell'Albo dei Biologi (e poter quindi praticare la professione di Nutrizionista) è più debole di un laureato in biologia o in scienze naturali. Ma sicuramente non sarà inesistente! So che dovrò approfondire e studiare ancora e di più e poi alla fine chissà se mai lo passerò quel benedetto esame di stato!!

Aspetti “negativi”

Ciò che deve sapere, secondo me, un probabile neo iscritto al corso di laurea in Scienze motorie è
che:

  • Scienze motorie non è uguale in tutta Italia: i CFU (crediti formativi universitari) assegnati sono i medesimi, le aree studiate sono le stesse ma spetta al corso di laurea decidere quanti CFU assegnare ad una data materia. Faccio un esempio semplice per chi non mastica concetti universitari: se nel corso di laurea sono presenti le materie A, B, C, D, e “A e B” fanno parte di un'area ad esempio quella medica e “C e D” fanno parte dell'area sportiva e i crediti assegnati sono 20 (sparo numeri a caso, è giusto un esempio), come corso di laurea posso decidere di assegnare 10 CFU ad A, 6 a B, 2 a C e 2 a D oppure posso decidere il contrario o ancora in modo diverso. Quindi un corso di laurea assumerà un'”impronta” più medica/sportiva/psico-pedagogica proprio in base alla facoltà sotto cui si trova o se, anziché essere un corso di laurea è un corso interfacoltà (Torino) o un'Ateneo (Tor Vergata). Qui vi lascio i link del programma di studi di alcune università italiane, spetta voi decidere se scegliere la sede più vicina o la sede che affronta un'area che è più nelle vostre corde.
    In ogni caso sappiate che verranno trattate comunque tutte le altre aree e quindi avrete una preparazione completa!

  • Per lavorare in palestra/società sportiva/circolo sportivo non è obbligatoria la laurea: quindi se il vostro obiettivo non è “tentare di conquistare il mondo” Cit. ma è lavorare nella palestra che frequentate da anni o continuare il lavoro del vostro allenatore, sappiate che ad oggi (2018) non è obbligatorio possedere un Diploma di laurea in Scienze motorie. Noi studenti del 2005 non lo sapevamo, eravamo convinti che chiunque lavorasse nel mondo dello sport avesse seguito gli stessi nostri studi.
    La scoperta è stata amara e frustrante: pensare che fuori dall'università non avevamo nessun tipo di tutela (solo nel mondo della scuola) e che la concorrenza era spietata e avremmo dovuto farla anche con chi non era andato all'università 5 giorni su 7 dalle 8 alle 19 e quando non c'erano le lezioni giù a studiare come dei matti dalle 8 del mattino alle 8 di sera è stato davvero terribile.
    Poi crescendo ho imparato ad accettarlo e ho avuto l'occasione di conoscere diversi istruttori che non avevano fatto Scienze Motorie ma che mi avevano trasmesso ed insegnato qualcosa e con molti di loro sono diventata amica.


Perché in fondo la differenza sul campo non la fa il “pezzo di carta”, la fa la persona con la sua personalità e la sua attenzione per gli allievi. Quindi conoscendo queste persone ho capito che era del tutto inutile e stupido prendermela con chi non aveva fatto Scienze Motorie, è stata una scelta diversa fatta da ognuno in base alle proprie motivazioni: ciò che importa è lo scambio di idee, di esperienze, di trucchetti, di consigli e di aiuto che ci si può trasmettere perché non dimentichiamoci che siamo prima di tutto PERSONE.

Quindi a VOI che state decidendo se fare o non fare Scienze Motorie dico: a voi la scelta, le mie motivazioni, alla luce di tutto ciò che ho visto negli anni, delle gioie e delle delusioni, delle facciate e delle mani tese a raccoglierti posso ribadirvi in tutta onesta che Sì, Scienze Motorie tornassi indietro la rifarei e che NO non dovete fermarvi alla laurea. Non potete pensare che una volta laureati siete arrivati, siete solo all'inizio!

Avete semplicemente un paio di scarpe da ginnastica più tecniche di chi non ha fatto Scienze motorie ma poi durante il percorso della vita, preparatevi a sudare nello stesso modo!!

Alla Prossima Bella Gente

Barbara

Commenti

Post più popolari